Abbiamo già visto insieme come fare il pesto di basilico in casa; la ricetta è semplice ma bisogna seguire alcune accortezze per evitare che possa ossidarsi. Come tutti sappiamo il pesto genovese si ottiene dal basilico, pianta aromatica che cresce con la bella stagione, dal mese di maggio in poi. Certo, nei supermercati più forniti è possibile trovarlo tutto l’anno ma volendo rispettare i tempi della natura è assai difficile che il basilico cresca nel proprio orto anche durante l’inverno; infatti, l’amata salsa verde è una ricetta tipicamente estiva. Ma gli amanti del pesto che non possono proprio farne a meno indipendentemente da clima e stagione non disperino! In questo articolo vi spiegheremo quali sono i metodi più efficaci per conservare il pesto per l’inverno.

Come conservare il pesto: sottovuoto, in congelatore o nel frigorifero

Ebbene le modalità di conservazione del pesto fatto in casa sono tre e si differenziano in base a quanto tempo vogliamo preservarne la freschezza. Vediamo subito quali sono tutti i trucchi da mettere in atto.

Come conservare il pesto fatto in casa sottovuoto

Questo sistema prevede di conservare il pesto in appositi contenitori precedentemente sterilizzati. Come si procede?

  • innanzitutto occorre munirsi di barattoli con chiusura ermetica
  • sterilizzare i barattoli mettendoli in una pentola con acqua bollente e lasciarli immersi per qualche minuto
  • asciugare i barattoli con un panno pulito
  • mettervi il pesto all’interno e fermarsi poco prima del bordo
  • aggiungere un filo d’olio sulla superficie
  • avvolgerli in un altro canovaccio e immergerli nuovamente in una pentola con acqua portata a bollore, per almeno venti minuti
  • asciugarli e riporli in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore

Questo procedimento potrebbe incidere sul sapore del pesto, perché si tratta di cuocere una salsa fredda; ma è una soluzione pensata per chi vuole conservare il pesto fatto in casa senza congelarlo.

 

Come conservare il pesto nel freezer

Per chi non vuole rischiare di alterare il sapore unico e inimitabile del pesto genovese proponiamo un altro metodo efficace: il congelamento. Un trucco di cui essere al corrente consiste nel procedere alla conservazione appena terminata la preparazione. Ecco i passaggi da seguire per congelare il pesto fatto in casa:

  • si possono utilizzare due metodi: o gli stampini da ghiaccio in silicone o i classici vasetti in vetro
  • nel primo caso occorre tenere conto che il contenuto di una formina da ghiaccio è sufficiente per condire circa 80 grammi di pasta
  • il secondo contenitore invece è più capiente e permette di conservare un quantitativo di pesto maggiore; a voi la scelta
  • versare il pesto appena preparato nel contenitore scelto e coprire con un filo di olio extravergine di oliva; se si utilizza lo stampino da ghiaccio si consiglia di coprirlo con pellicola trasparente
  • mettere nel freezer e aspettare almeno 24 ore
  • se avete fatto dei cubetti di pesto, trascorso il tempo necessario, si possono estrarre dagli stampini e metterli in un sacchetto di plastica per la conservazione dei cibi

Grazie a questo procedimento potrete avere il vostro pesto a disposizione per almeno 3 mesi. Ogni volta che vorrete utilizzarlo per le vostre ricette sarà sufficiente scongelarlo lasciandolo a temperatura ambiente. Una volta raggiunta la giusta consistenza si può aggiungere un po’ di acqua di cottura della pasta per scioglierlo e ammorbidirlo ulteriormente.

Alcuni consigliano di aggiungere il formaggio solo dopo lo scongelamento e non in fase di preparazione come si farebbe di solito.

 

Come conservare il pesto fatto in casa nel frigorifero

Per conservare i vasetti di pesto nel frigo è importante:

  • munirsi di barattoli con imboccatura larga per permettere di pulire bene i bordi; eventuali residui di pesto sulla sommità del vasetto possono deteriorarsi e causare la formazione di muffe
  • mettere sempre uno strato di olio extravergine che ha il potere di conservare il pesto nel migliore dei modi

Ricordatevi che un vasetto di pesto conservato in frigo deve essere consumato entro una settimana al massimo.

 

Conservare il pesto di basilico per gustarlo tutto l’anno

Conservare il pesto fatto in casa è semplice, basta adottare uno dei tre metodi descritti poco sopra. Per chi vuole assaporare il gusto unico e inimitabile della salsa verde per eccellenza un’altra ottima soluzione consiste nell’acquistare il pesto genovese del Frantoio Sommariva. Disponibile tutto l’anno, buono e fresco come sempre!

 

Pin It on Pinterest